Bernie Sanders: una sconfitta che equivale a una vittoria

In un’annata elettorale assolutamente sconcertante, imprevedibile, contrassegnata da bassi appelli alle peggiori emozioni dell’elettorato, nessuno avrebbe mai potuto prevedere che i Repubblicani si sarebbero svegliati una mattina ai primi di maggio con un candidato presidenziale con la nomination in pugno mentre il campo democratico, predestinato a registrare la vittoria della possente macchina elettorale dei Clinton,…