BIDEN SUL CIGLIO DEL BURRONE MA FIDUCIOSO

Joe Biden e il partito democratico procedono sul ciglio del burrone ad un anno dalle esplosive elezioni di midterm, nelle quali la perdita di un seggio senatoriale e di tre seggi democratici alla Camera dei Rappresentanti consegnerebbero il potere nelle mani dei repubblicani. La pandemia non
accenna ad affievolirsi: ogni giorno muoiono mille americani e le vaccinazioni vanno a rilento. Ma l’orizzonte non è completamente buio per Biden: gli ultimi dati sull’occupazione e sulla spesa dei consumatori lasciano sperare sul ritorno alla normalità. In sostanza, l’esito della prossima consultazione
non dipende da alcun effetto dirompente del predominio che l’ex presidente Trump esercita sul partito e i suoi candidati ma dalla crescita dell’economia americana di pari passo con la crescita dei posti di lavoro.
L’America è un Paese dove predominano i paradossi, a cominciare da quelli che caratterizzano l’economia. In questa congiuntura, gli americani non riconoscono la svolta che Biden sta cercando di
imprimere all’economia attraverso massicci interventi federali. Al Congresso, la prima legge – quella per le infrastrutture che prevede stanziamenti per oltre un trilione di dollari destinati ai trasporti, alle
comunicazioni broadband e ai servizi di pubblica utilitá – è stata approvata e promulgata. La seconda – quella per la rete di sicurezza sociale ed il clima che ammonta a 1 trilione 750 milioni

  • è stata appena approvata alla Camera ma incontra grosse difficoltà al
    Senato a motivo dell’ostruzionismo di due senatori democratici che
    perseguono esclusivamente le proprie ambizioni. La legge in questione,
    denominata Build Back Better (ricostruiamo meglio), è quella che
    Biden venderà agli americani nella consultazione del midterm per il
    rinnovo della Camera e di un terzo del Senato.

Il completamento dell’iter legislativo dell legislazione sociale richiede un delicato coordinamento ed una rara misura di fiducia tra parlamentari centristi e progressisti che nutrono visioni
discordanti circa l’intervento sociale dello stato nei confronti di nuclei familiari e del clima.
Per tornare al paradosso, gli stessi americani che esprimono giudizi sostanzialmente negativi sull’opera dell’amministrazione Biden sono attualmente scatenati all’acquisto di beni di vasto consumo come elettronica, automobili, equipaggiamenti sportivi e altri prodotti costosi. Per contro, la fiducia espressa nei rilevamenti demoscopici è scesa al punto più basso da dieci anni a questa parte ma
ad ottobre le vendite al dettaglio solo salite dell’1,7 per cento. Per non parlare delle grosse aziende, come Walmart e Home Depot, che nel terzo trimestre hanno registrato un forte rialzo di vendite e profitti. La conclusione non può che essere che l’inflazione non incide sulla spesa per regali degli americani.
La maggioranza degli economisti sono dell’avviso che i prezzi cominceranno a livellarsi man mano che l’offerta, grazie al superamento dei problemi di fornitura, tornera’ a soddisfare la domanda. Tra I fattori che svolgono un ruolo nella dinamica dei prezzi è il fatto che le famiglie hanno costituito riserve finanziarie nel periodo di quarantena ed hanno ricevuto aiuti come quello di assegni e credito all’infanzia. In pratica, si ritiene che l’America sia in presenza di una “cost-push inflation” – che si verifica quando
i prezzi aumentano a motivo dei più alti costi di produzione e delle materie prime – anzichè di una “demand-pull inflation” dovuta ad una domanda aggregata che cresce più rapidamente dell’offerta
aggregata. Al momento attuale, la “cost-push inflation” è determinata da fattori di fornitura ausiliari come salari e prezzi del petrolio più alti. Gli economisti dell’amministrazione calcolano che sarà di durata temporanea. Una chiave sarà offerta dall’aumento dei posti di lavoro che per quanto inferiori ai livelli pre-pandemia appaiono in risalita.
Per quanto l’attenzione degli americani sia focalizzata sull’aumento di prezzi come quelli della a benzina e dei viveri quotidiani sta per arrivare il giorno in cui si accorgeranno dei benefici che l’agenda del
Build Back Better potrà apportare alla loro qualità di vita. Vale la pena di elencarli: la cura dell’infanzia, permessi familiari pagati, estensione del credito all’infanzia, scuola materna universale, espansione di
Medicare e Medicaid, incentivi per accelerare la transizione all’economia verde. Su questa prospettiva sociale ed economica Joe Biden si gioca il rinnovo della presidenza. La legge Build Back verrà messa ai voti, quasi certamente, questa settimana. Il destino del presidente Biden, che compirà 81 anni
nel gennaio 2024, è manifestamente legato all’impegno preso nel 2020 di riportare la nazione alla normalità. Questo sarà il metro di giudizio sul rinnovo della sua candidatura. Il presidente afferma che cercherà la rielezione. Tutto dipende dall’impegno con cui si batterà per l’approvazione della sua
agenda nonché dall’esito della stessa nelle elezioni midterm.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s