DONALD TRUMP UNA BELVA IN GABBIA

In America, la radicata tradizione di un civile interregno tra amministrazioni e’ stata gia’ lacerata dal presidente uscente. Donald Trump non e’ una “anatra zoppa” in attesa del trasloco ma una belva ruggente nella gabbia che dovra’ abbandonare il 20 gennaio. La transizione del potere a Washington e’ entrata immediatamente in una fase assai pericolosa che coinvolge lo stesso futuro della politica estera degli Stati Uniti. Il licenziamento in tronco del Segretario alla Difesa Mark Esper, con il solito tweet, segna l’avvio di una purga che molto probabilmente espellera’ altri personaggi dell’amministrazione, tra i quali l’Attorney General Barr, la direttrice della CIA Haspel e il capo dello FBI Wray.
Queste mosse rientrano in un disperato tentativo di Trump di esercitare al massimo i suoi poteri esecutivi. Di fatto, riflettono la sua volonta’ di smantellare finche’ possibile i meccanismi istituzionali a favore di una gestione autoritaria del potere esecutivo. Trump continuera’ a farlo fino al giorno in cui dovra’ cedere il potere.
Il futuro dell’America non e’ solo nelle mani di Joseph Biden, ma in misura
ragguardevole anche in quelle di un gruppo di senatori repubblicani ed in
particulare del loro leader McConnell. Non va dimenticato infatti che nel
giorno stesso in cui Obama assumeva il potere, McConnell dichiarava guerra al primo presidente di colore affermando che la priorita’ dei repubblicani era quella di fare di lui un “one term president”. L’interrogativo che oggi domina la discussione nei circoli politici di Washington e’ quanti senatori repubblicani siano disposti ad abbandonare il maleodorante carrozzone di Donald Trump e a convincere il presidente a cedere le armi. Il discorso e’ complesso perche’ il presidente non ha sconfessato quei fedelissimi secondo cui egli ambisce a ripresentare
la sua candidatura per le presidenziali del 2024. Una norma costituzionale
lo permette. L’ultimo presidente che ha governato con due mandati non consecutivi e’ stato Grover Cleveland, eletto nel 1884 e 1892. Ma il quesito piu’intrigante e’ quello delle condizioni nelle quali potra’ manifestarsi l’ostruzionismo repubblicano al senato, che potrebbe spaziare da ostacoli alle nomine presidenziali a ben piu’ grossi bastoni tra le ruote per la politica sociale dell’amministrazione Biden. Le dichiarazioni rese nel Marzo scorso da McConnell non promettono nulla di buono:”se saro’ ancora leader di maggioranza al senato, pensate a me come
il “Grim Reaper” (il triste mietitore). Nulla passera’.”
Una voce peraltro appare fondata, che McConnell ed una ventina di senatori repubblicani vogliono liberarsi dell’influenza malefica del presidente narcisista ed accentratore. E’ il caso di dire che lo dicono sottovoce ma vari elementi depongono a favore di una strategia parzialmente collaborativa. Lo spartiacque pero’ resta in quanto i repubblicani potrebbero collaborare per l’approvazione di progetti di minore importanza ma non su programmi sociali di ampio respiro come quelli che propugna la sinistra del partito democratico. Sara’ Biden in grado di far valere orientamenti progressivi sapendo di non poter contare sul loro passaggio al senato? Il calcolo e’ tanto piu’ complicato in quanto tra due anni l’America votera’ di nuovo per il rinnovo della Camera dei Rappresentanti e di un terzo del senato. I seggi senatoriali in
palio saranno 34, dei quali il maggior numero sara’ repubblicano (21 contro 13 democratici). Per quanto le elezioni di midterm siano generalmente sfavorevoli al partito del presidente in carica, la contesa al senato potrebbe eliminare un numero sufficiente di senatori repubblicani per restituire il senato ai democratici ed assicurare una navigazione piu’ tranquilla a Biden.
Va comunque segnalato che nelle elezioni presidenziali appena concluse ha
prevalso il voto anti-Trump piuttosto che il programma ideologico dei democratici.
La sinistra democratica ha rispettato lo spirito di unita’ richiesto dal
candidato e dai dirigenti del partito ma all’indomani della consultazione
sta gia’ rivolgendo severe critiche alla condotta del partito. Il distacco
e’ strettamente legato alle scelte che Biden dovra’ fare per la
composizione del gabinetto e degli altri organi di governo, scelte che
determineranno la politica dell’amministrazione Biden. In tale contesto,
la sinistra gia’ bussa insistentemente alla porta per ottenere ministeri
di spicco per Bernie Sanders e Elizabeth Warren. Il problema non e’ tanto
quello dell’approvazione nel feudo del “Grim Reaper” ma delle possibilita’
di riuscita di una strategia di Biden volta a riparare i danni arrecati da Donald Trump all’ordine costituzionale oltre che ad isolare la sua base popolare.
Questa infatti non scomparira’ domani. Il futuro e’ tanto piu’ incerto perche’ i democratici dovono recuperare sul terreno dell’elettorato bianco e dei lavoratori senza titoli di studio, che i repubblicani considerano una loro valenza essenziale. Ed ancora, i democratici dovranno lottare duramente per assottigliare il predominio repubblicano negli stati del Midwest e del Sud, dovuto in buona parte al “gerrymandering”, l’artificiosa creazione dei distretti elettorali che favorisce il GOP repubblicano.
Infine, non vi e’ dubbio che Donald Trump fara’ di tutto, nei prossimi 70
giorni, per aggravare il quadro politico e strategico dell’America. La
rimozione del segretario alla difesa Esper ha generato una situazione
quanto mai grave per la catena militare di comando negli Stati
Uniti e per l’esecuzione di strategie di sicurezza nazionale. Il segretario
della difesa uscente non solo si era opposto all’impiego di unita’ militari per
reprimere le manifestazioni di protesta in America ma aveva criticato la decisione presidenziale di riportare in patria le forze dislocate nell’Afghanistan ed altri fronti. La sua rimozione e’ destabilizzante in un periodo di transizione che non potrebbe essere piu’ precario, stante la protervia con cui Trump ostacolera’ il trapasso dei poteri. Tra l’altro, un suo ufficio ha negato finora di fornire fondi all’organismo preposto alla transizione.

Un conclusione purtroppo e’ autorizzata, che la situazione di pesante
incertezza che grava sull’esordio della presidenza Biden non permette
di superare la polarizzazione in atto per molto tempo ancora. Il declino
della qualita’ della democrazia in America compromette un rapido
ritorno ai cardini della politica estera americana ed in modo particolare
all’articolazione di interessi strategici che presuppongono una fattiva
collaborazione con alleati e partners dell’America. Le convulsioni
che ora turbano l’apparato militare degli Stati Uniti sono motivo
di ulteriori profonde preoccupazioni. Spetta al presidente eletto Biden
sconfiggere il populismo illiberale di Donald Trump. La maggioranza
degli americani, e della comunita’ democratica all’esterno, lo
spera ardentemente.

One thought on “DONALD TRUMP UNA BELVA IN GABBIA

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s